È positivo per uno studio cinematografico ottenere il film acquisito da Netflix piuttosto che essere distribuito nei cinema?

In questo momento, il modo migliore per avere successo in un film è che abbia una corsa teatrale. Tuttavia, al calare della frequenza al botteghino, l’idea dei film “Netflix first” potrebbe guadagnare popolarità.

È positivo per un film ottenere distribuzione. Molti film sono stati realizzati ma non possono essere riprodotti nei cinema o in televisione o in un mezzo in cui i cineasti possono recuperare i loro costi di produzione e possibilmente realizzare un profitto. Se Netflix paga per questo, potrebbero essere soldi che Warner Bros, Paramount, Universal, Sony, ecc. Potrebbero non pagare.

Nel 2016, quando rispondo a questa domanda, c’è un mercato chiaro per i film che non vengono proiettati nei cinema. Per molto tempo sono stati registrati video come sequel Disney e progetti di WWE Films. La categoria dei film TV esiste anche da anni.

Man mano che le nicchie diventano sempre più profonde, ci sono cose che potrebbero potenzialmente floppare nei cinema, ma hanno ancora un pubblico che vuole vederlo. Se “Pee Wee’s Big Holiday” uscisse nelle sale al posto di Netflix, potrebbe avere un discreto weekend di apertura, ma certamente non avere numeri di tipo “Star Wars”. C’è un pubblico chiaro per il film e una versione di Netflix ha senso per questo.

C’è un’intera categoria di film che hanno un pubblico ma non sono stati grandi successi, come “Muppets Most Wanted” del 2014 e “Entourage” del 2015. Entrambi erano successi redditizi, ma non giganteschi, e avrebbero potuto avere successo debuttando su Netflix invece che nei cinema. Poiché Netflix si rifiuta di rivelare i dati delle classifiche, la società può dare una svolta positiva ai suoi spettacoli e film, mascherando i suoi fallimenti, cosa che i numeri delle vendite al botteghino non possono fare. Netflix afferma che “The Ridiculous 6” di Adam Sandler è stato il film più visto del servizio nei suoi primi trenta giorni di uscita. Questo film, che ha una rara valutazione dello 0% da Rotten Tomatoes, potrebbe essere stato un flop teatrale, ma poiché i numeri di visualizzazione sono tenuti segreti, tutto ciò che sappiamo è l’annuncio di Netflix che è stato un successo.

Netflix ha avuto successo nel confondere la differenza tra una serie televisiva che ha debuttato online contro trasmissione / cavo. Con dispositivi come Apple TV, Roku, Amazon Fire TV e Chromecast, se uno spettacolo può essere visto sul proprio televisore, non importa da dove è nato.

La più grande sfida di rilasciare film al di fuori dell’ecosistema teatrale è lo stigma che tali film sono inferiori a quelli che recitano nei cinema. Al momento, i film non possono beneficiare di premi prestigiosi come gli Oscar a meno che non abbiano avuto un percorso teatrale. Kevin Smith ha interpretato “Red State” in un teatro di Los Angeles per un breve periodo per renderlo idoneo.

Man mano che Netflix passa da contenuti di nicchia a veicoli per star importanti come Brad Pitt e Will Smith, questo potrebbe cambiare e potrebbero verificarsi molte altre importanti uscite digitali. Fino ad allora, aspettatevi film importanti sul grande schermo e tutti i film Netflix considerati a quel livello secondario.

Questo accordo di Netflix non ha nulla a che fare con uno studio che fa acquisire il film da un’altra entità come Netflix. Ha a che fare con Netflix che salta nella creazione di contenuti di lunghezza caratteristica. Hanno fatto bene con episodici e ora hanno iniziato ad entrare nel gioco, in particolare le caratteristiche principali della star del film (prima il contratto di quattro film di Adam Sandler e ora questo).

Ora, per quanto riguarda il film stesso, la risposta è davvero “Non lo sappiamo ancora”.

È nuovo.

Ma se consideri il fattore positivo del film non dover essere giudicato dai botteghini – che i media e il pubblico in generale sono ossessionati – allora è una cosa abbastanza buona. Tutti i componenti della produzione vengono pagati. Le stelle vengono pagate. Il regista viene pagato. Gli sceneggiatori vengono pagati. Netflix ottiene più abbonati (paga $ 8 o qualunque cosa sia e guarda il film di cui sei curioso, così come molti altri). Gli abbonati già registrati ottengono un film “gratuito” di alto livello di Will Smith.

Tutti vincono.

Accetta per il pubblico che non riesce a provare il film a teatro, che è un’esperienza che non può essere sostituita. Certo, possiamo sperimentarlo comodamente da casa nostra, tuttavia al cinema c’è una magia che non può essere duplicata.

Quindi per chiarire quel link che hai pubblicato; questo film non è un esempio di uno studio che vende i diritti di un film già esistente su Nextflix. Quello che è successo è che Netflix ha acquistato i diritti per produrre il film per la sua produzione IN-HOUSE. Qui Netflix È lo “studio” che crea contenuti da riprodurre esclusivamente sulla sua piattaforma.

È buono? Chissà! SVOD si sta muovendo così velocemente che è davvero difficile capire quali decisioni siano buone e quali cattive. L’unica cosa certa è che il futuro delle piattaforme di streaming dipenderà da chi sta producendo i migliori contenuti esclusivi. Chiaramente Netflix pensa che ci vorrà molto tempo a giocare.